9 dicembre 2012

Questo è un grido per chi non può parlare.


Domanda difficile a cui molte hanno risposto male, malissimo. O forse sono io ad essere scema.
Donne : siete sposate, avete dei figli.
Vostro marito vi tradisce e voi lo venite a sapere. Cosa fate ?
Io , personalmente, chiederei il divorzio. Un uomo che tradisce non è più un uomo, non è nulla, a parer mio. 
E i figli ?
I figli non c'entrano. Siamo io e lui a vedercela. Loro avranno sempre un padre e avranno sempre una madre. Solo che avranno un padre cazzone. 
Io non posso vivere nella stessa casa di un uomo che mi ha mentito, che è andato a letto con un'altra donna, che ha guardato negli occhi un'altra donna come dovrebbe guardare me. In pratica, non mi ama più. Non è la femmina che istiga, svegliatevi, è il maschio che ci cade. Se ti ama, non ci cade. 
Non esiste "E' stata solo una volta", se te ne faccio passare una, non ti fermi.
Sono irritata e odio a morte le donne che per il bene dei figli lasciano che il marito le tradisca e certe volte le picchi. Si, perchè, non lo sapete ?
Una donna per il bene dei figli deve rimanere a casa a farsi mettere i piedi in testa in tutti i sensi.
E il mio bene ?
Ma molte donne ...
Io non sono molte donne, io sono io, e io non mi fido. Io non posso lasciare che qualcuno mi tocchi senza il mio permesso, che tocchi i miei figli senza permesso, che mi tradisca, che tradisca la famiglia che ha costruito con me.
Sarò estremista, rimarrò a zitella a vita, quello che volete, ma questo è il mio pensiero e spero di non cambiarlo mai. Mai. 
Ma siete serie, donne, quando mi dite queste cose ? E vi fate chiamare donne ? Dovete seriamente essere sottomesse ? E poi mi chiedono perchè vorrei essere nata uomo.
Non vedete che stiamo , che state, distruggendo la donna ?
Duemila e passa anni di storia ci hanno viste chinate, con la testa bassa e adesso nel 2012 dobbiamo ancora seriamente essere succubi del marito padrone e essere viste solo come incubatrici ? 
Svegliatevi !
Non è una tragedia stare da sole, non avere un uomo accanto. Avete voi stesse accanto.
Non siete nate per essere mogli e madri. O meglio, si, anche, ma siete nate per essere donne, per vivere appieno la vostra femminilità, il vostro pensiero, di battervi per questo. Siete nate, sono nata per morire per i vostri ideali, per le persone che amate, sono e siete nate per combattere per qualcosa e qualcuno e nessuno ve lo può togliere. Questo è un grido per quelle donne costrette a stare zitte.
Mai abbassare la testa, mai essere deboli, basta con le principesse che devono essere salvate, basta con le ragazze che dipendono da un uomo.
Basta. 

19 commenti:

  1. Letto, approvato e sottoscritto.

    Solo con una postilla, ma è personalissima perchè tocca una sfera intima, spirituale: io credo profondamente nel sacramento del matrimonio, quindi non potrei chiedere il divorzio perchè quello è un vincolo creato davanti a Dio, ma non vivrei più insieme ad un uomo così, neppure se fosse il padre dei miei figli. Resterei sola, certo, ma con la mia dignità e se si trattasse di un uomo violento salverei i miei figli da una situazione da incubo. Se ci fossero gli estremi (come tante volte ci sono) chiederei piuttosto l'annullamento alla Sacra Rota.

    Ma, ripeto, questo vale per me, non mi aspetto che sia condiviso da tutti (o in questo caso da tutte).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annullamento alla Sacra Rota ? Scusa, ma sono ignorante in questo, cos'è ?

      Elimina
    2. Da quel che so io la Sacra Rota è il tribunale della Chiesa e solo in rarissimi casi prende in considerazione l'annullamento del matrimonio. Di certo non considera un tradimento (parlo per esperienza di mia madre che ha colto in flagrante l'ex marito, padre di mia sorella, a letto con una prostituta - per farvi capire la situazione "grave"- e di mio padre, la cui ex-moglie, dopo che si sono lasciati per incompatibilità di carattere, ha cercato di richiedere l'annullamento con risposta picche). Il tuo prete sarà solo in grado di dirti che per lui tu non hai peccato ma non può farci nulla: per la chiesa non sei nessuno, niente più confessione, niente più comunione, niente più fare il padrino o la madrina di nessuno, etc.

      Elimina
    3. Che situazione contorta la tua ò.ò

      Elimina
    4. ahah non è difficile, i miei genitori prima di sposarsi hanno avuto un precedente matrimonio. è la normalità ormai ;)

      Elimina
    5. Beh si in effetti hai ragione XD

      Elimina
    6. L'annullamento alla Sacra Rota si chiede in particolari casi (se vedi su wikipedia ci sono elencati) ed è un iter lungo e laborioso e ha costi abbastanza alti (purtroppo) ma anche il divorzio civile non è che non costi nulla (ari-purtroppo).
      Io ho un mio cugino che ha ottenuto l'annullamento dal Tribunale Ecclesiastico alcuni anni fa perchè la ragazza che aveva sposato gli aveva nascosto seri problemi psichici e c'era stata tutta una situazione "ordita" dai parenti di lei pur di farla sposare.

      Comunque volevo dire che quello a cui fa riferimento heartbeat (che non puoi più fare la confessione o la comunione ecc.) vale per chi divorzia civilmente. Lo specifico perchè leggendo il suo commento potrebbe sembrare quasi che si stia parlando di chi non può chiedere l'annullamento per tradimento del conuige e stop, senza specificare che poi questa persona ha proceduto al divorzio civile e solo allora per la Chiesa valgono quei divieti di cui sopra.

      Io però il tradimento non lo metterei sullo stesso piano di un'incompatibilità di carattere....personalmente mi sembrano due cose molto differenti. La prima implica una situazione voluta da uno solo dei coniugi scientemente a danno dell'altro ed è certamente molto grave (infatti, io ritengo che la Chiesa dovrebbe contemplarlo nei casi di annullamento...si, non è che sono una bacchettona che dice che tutto ciò che dice la Chiesa è oro colato eh!); la seconda, invece, è una cosa che coinvolge entrambi allo stesso modo e che...beh, per dirla in soldoni secondo me alla fine potevano pensarci prima, dato che stavano andando a in Chiesa a compiere un sacramento, non una cosa così, sempre se si ha un minimo di Fede. Se poi ci vai perchè questo è l'uso comune, senza credere nel sacramento...beh è tutta un'altra storia.

      Scusa Aleja per la lunghezza del commento....mi sono andate le dita sulla tastiera un pò così :-)

      Elimina
    7. Sorry, una precisazione: le mie riflessioni hanno preso spunto da ciò che ha scritto heartbeat, ma sono elucubrazioni mentali mie, sono generalizzazioni che poi vanno specificate di volta in volta.

      Elimina
    8. Tranquilla, c'è libertà di espressione XD
      Interessante comunque, non sapevo neanche esistesse ( nella mia famiglia non siamo molto credenti ) , ma è un bene che ci sia questa possibilità.

      Elimina
    9. hai assolutamente ragione su tutto maris ;) infatti il mio commento riguardava appunto il fatto che è molto difficile ottenere l'annullamento dalla sacra rota e il caso di tuo cugino e senza dubbio uno dei casi in cui l'annullamento è consentito ;) l'ex di mio padre era una pazza, conferma del fatto il motivo "incompatibilità" di carattere per cui ha chiesto l'annullamento e ha presentato richiesta più volte XD Non ti stavo attaccando stai tranquilla, stavo solo dicendo la mia dato che anche io, come te, ho vissuto queste cose in famiglia :)

      Elimina
    10. @ heartbeat: figurati :-) io temevo che tu postessi credere che stessi criticando il tuo commento!!
      il fatto è che non trovandosi faccia a faccia a parlare non è facile spiegare per iscritto in poche frasi tutto un pensiero magari un pò complesso e con tante sfaccettature.
      mi spiace che entrambi i tuoi genitori abbiano vissuto situazioni così spiacevoli prima di incotrarsi, ma se adesso hanno trovato la serenità insieme è una bella cosa!

      @ Aleja: grazie perchè spesso dai spunti interessanti di discussione e confronto, oltre ai momenti di ironia e leggerezza che pure ti caratterizzano ;-)

      Elimina
    11. E' esattamente questo che vorrei che fosse questo blog, un punto di confronto :)

      Elimina
  2. Io vado molto fiera della mia indipendenza. Oggi, a 29 anni, ho un uomo vicino da più di due che mi rispetta come nessuno ha fatto mai. Questo, credo, non solo per le sue qualità e il animo buono, ma anche perché io non ho permesso che la situazione fosse differente. Anni di solitudine scelta e amata (e una brutta storia d'amore - con una donna per di più!) mi hanno fatto capire che non c'è nulla di più importante di me stessa e della mia dignità. E non è egoismo. Si tratta di volersi bene.

    (PS Amo Marina and the diamonds!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine, qualcuno deve pur arrivare di buono.

      Elimina
  3. Invitación
    Yo soy brasileño, y tengo un blog, muy simple.
    Estoy lhe invitando a visitar-me, y se posible, seguimos juntos por ellos.
    Fuerza, Alegría y Amizad.
    Ven acá, y deja un comentário, para YO, seguí en su blog con facilidad.

    Yo, estoy te seguyendo.
    Abrazos, del Brazil.

    www.josemariacosta.com



    RispondiElimina
  4. Da persona che ha tradito, fin troppo, ti dico però che un tradimento può essere perdonato, almeno secondo me. Se il pentimento è sincero, ben venga il perdono. Se invece il tradimento è dettato da altri problemi, allora addio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa non me l'aspettavo da te e.e

      Elimina
  5. perfettamente ragione su tutto. Anche io la penso come te sui tradimenti (vale anche se a tradire e la donna)
    Chi tradisce,anche una volta sola, è fuori dalla mia vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvio che vale anche per la donna , ci mancasse altro !

      Elimina