30 dicembre 2012

Dire 44, vedere 40 e spacciarla per 46

Morite tutte. O ingrassate.
Ieri, in assenza del mio pc sono stata a fare shopping con i miei genitori e ho notato con molto dispiacere che le misure sono cambiate.
Credo sinceramente che le case di moda, i dietologi e le imprese delle pompe funebri si siano messi d'accordo per rovinare la vita delle ragazze. Questo perchè io, una dignitosa 44, ieri ho provato la XL di pantaloni che rappresentava la 46 ma aveva la stessa forma di una 40. 
E ovviamente neanche mi entrava. La XL . Le misure non andavano oltre, quindi sostanzialmente una ragazza  più morbida può cominciare ad andare in giro nuda.
In tutti i negozi in cui sono stata le misure erano così, e sono riuscita ad accaparrarmi una felpa XXL ( che sono morta mentre la provavo e aveva la forma di una S/M ) e una sciarpa. 
Ma perchè ho parlato di dietologi e pompe funebri ?
Pensateci. Ora, una ragazza media che si ritrova questi vestiti minuscoli con taglie ENORMI. E si guarda allo specchio e si trova orrenda. Uno schifo. Qualcosa di mostruosamente grasso perchè non importa che fossero minuscoli quei vestiti, a te importa la misura sull'etichetta. 
Quindi le cose sono due 

  • Dietologo certificato, dove andrò io, dove è andato mio padre. E che io sia bella per i miei genitori non è un mistero, figuriamoci, ma che ancora una volta mi senta preferire una ragazzetta più magra a me, quando io di testa sono almeno di tre passi avanti a lei, mi ha stancato. 
  • Fare la dieta da se, dimagrire finchè non si vedono le ossa. Vomitare. Nascondere tutto. Diventare anoressica, o bulimica. E certe cose portano solo da una parte : dal becchino. 
Ah, allora, per il libro al mese. La scelta, non avendo repliche è ricaduta su "La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo". Dando 3 giorni per procurare il libro tra ebook vari, online o cartaceo la prima puntata verrà fatta il 10 gennaio, e si discuterà sulle prime impressioni ( pag 125 ).
Quindi ... BUONA LETTURA !

13 commenti:

  1. Trovo davvero disgustoso che si "colpevolizzino" le ragazze sopra la taglia 44 facendole di fatto sentire sbagliate, e innescando inevitabilmente dinamiche pericolose per la loro salute fisica e mentale. Mi auguro che non sia così in tutti i negozi, e per quelli che praticano questa politica sono a favore di boicottaggio a oltranza, mi auguro di cuore che debbano chiudere domani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. Preferisco molto di più le taglie francesi.

      Elimina
  2. E' stra vero ciò che dici. E aggiungo un bel purtroppo.

    Però sai che paradossalemente mi è successo anche l'inverso? Da Conbipel qualche inverno fa ho preso un tailleur con pantaloni (io e le gonne non andiamo molto d'accordo) taglia 42. Tu mi dirai: embè? Il fatto è che io sono una 44 e a volte una 46 perchè se no i pantaloni mi vanno corti (in questo caso finisce che mi vanno larghi, ma almeno posso rimediare con una cintura bella stretta o con un intervento di cucito).
    Insomma, mai avuto una 42 da che sono adulta. Eppure quel tailleur è 42.
    Boh! Misteri!

    PS: Cercherò di farcela per la lettura...il titolo che proponi mi intriga, già lo avevo in mente da un pò.

    RispondiElimina
  3. purtroppo pure io passo da una 46 a una 48 per motivi del tutto sconosciuti... io ho gusti molto semplici, ma a volte è un inferno!

    RispondiElimina
  4. Le taglie sono una bella merda. Io (44 come te) ho imparato a fregarmene dei numeri. Non sempre è facile però quando leggi che certe modelle alte 1.75 x 55kg portano la 38. E ti chiedi anche come sia possibile che ci siano così tante taglie di differenza con me (1,73 x 60kg). Secondo me ce lo mettono sempre nel culo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le modelle sono modelle.
      Peccato che siano le 44 a compare la roba poi.

      Elimina
  5. L'ho già trovato quell'ebook, ora resta il mistero se mi possa piacere leggere dal pc. Ci proverò! :)

    Sul discorso taglie hai ragionissima, io l'ho notato soprattutto da Terranova. Trovare i pantaloni lì per me era impossibile e anche quando c'erano i saldi poi alla fine restavano tutte le XS. Ora io mi domando: ma perché riempi i negozi di XS se poi nessuno le compra? Le bambine di dieci anni portano le XS, perché pure quelle magre non c'entrano a meno che non vogliano correre il rischio di scoppiare. Mah...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi manderesti l'ebook in allegato mail se si può ? Così lo mando io a chi non lo trova :)

      Elimina
  6. Piccola molti negozi fanno taglie a capa di cazzo, te lo dice una che compra continuamente. Sinceramente io non penso di essere grassa eppure la taglia s spesso è microscopica per me, è proprio corta! Quindi futtitinne! sei bellissima!

    RispondiElimina
  7. Io non leggo nemmeno più le taglie. Vado a occhio, capisco subito se mi entra o no. Può essere una S o una XXL a me non importa, l'etichetta manco la guardo.

    P.s. meglio un'etichetta "bugiarda" piuttosto che una commessa che ti rifila direttamente una L senza neanche fare finta di chiederti che taglia hai. ;)

    RispondiElimina
  8. Io odio i pantaloni da uomo, sono fatti per panzoni e se voglio che arrivino ai piedi e che non mi entrino nel sedere devo prendere tipo una 46, che in vita mi entra abbondantemente 2 volte.

    Insomma, perché non posso andare a lavoro con i pantaloni corti ad elastico?

    RispondiElimina