1 novembre 2012

Don't wanna grow up


Io sono una figlia di papà. 
Non l'ho mai nascosto, sono una figlia di papà. Tutto quello che voglio ottengo come per magia, che sia un computer, o quel bellissimo cappottino comprato oggi costato l'ira di Dio. 
Io parlo, e appare la magica carta ed eccomi con un sacchetto pieno di roba.
Volendo, potrei avere il futuro assicurato. Volendo, andrei in legge e poi mio padre mi troverebbe un buon posto di lavoro al paesello a vita, e sarei sistemata. Volendo, potrei entrare pure in politica, alla campagna elettorale ci penserebbe papà. 
Per ogni cosa, volendo, ci sarebbe papà.
Sarebbe il sogno di ogni capra che non ha voglia di fare nulla nella vita.
Io invece, che ho quel poco di intelligenza da riuscire a fare qualcosa da sola, il pane pronto non lo voglio, ma ho sempre il timore che invece mi arrivi senza che me ne accorga.
Troppo spesso mi vengono tolti i meriti di qualcosa di mio perchè "Beh, ma Aleja è figlia di ... " 
Odio questa cosa. 
Odio il fatto che venga sottovalutata perchè donna, perchè ancora giovane, quando invece potrei fare il culo a molti miei coetanei e anche a gente più grande. Io ho una mia mente, una mia volontà che si distacca da quella di chiunque altro. 
Volevo fare lettere e poi filosofia, il mio sogno sarebbe entrare in un aula universitaria e spiegare ai miei discepoli Kant ed Hegel, magari, che ne so, a Torino, o magari, che ne so, fuori del tutto, in Inghilterra, che almeno l'inglese lo so. 
Sarebbe questo il mio sogno, mai nascosto.
Ma non posso, per adesso. 
A volare alto sbatterei contro i rami degli alberi. 
Ma qualunque cosa faccia, qualunque città chiami casa, voglio che sia il frutto del mio lavoro, del mio sudore, delle mie lacrime, della mia felicità. 
Non sputo su quello che ho, dico solo che ad un certo punto sarà ora che vada per la mia strada, ovunque sia. Sola o in compagnia.
Forse crescere vuol dire anche questo.

9 commenti:

  1. Crescere vuol dire SENZA DUBBIO anche questo.
    E sei intelligente e sensibile tu che l'hai già capito a soli 17 anni (freschissimi!!!).
    In bocca al lupo: che tu possa volare alto quando sarà il momento giusto.

    RispondiElimina
  2. Credo che sia un ragionamento molto maturo il tuo! Non disdegni quello che hai, com'è giusto, ma vuoi che i TUOI meriti siano, per l'appunto, tuoi. Io sono sicura che farai grandi cose, da sola, lontano da casa, con le tue sole forze. Ne sono più che certa!! ;D

    RispondiElimina
  3. Attenta però alle tue priorità.
    Conosco gente che è partita dal nulla e ora ha imperi che non vede al di là del proprio successo.

    RispondiElimina
  4. È un pensiero che farei anche io, probabilmente: per non dare modo agli altri di dire che sei una figlia di papà, ti impegni ancora di più e dimostri a tutti, te stessa compresa, che saresti così anche senza... il papà.
    E poi io credo che se hai la fortuna di avere più possibilità, non c'è niente di male nello sfruttarle, anzi devi farlo.

    RispondiElimina
  5. Io, all'opposto tuo, proprio perché non sono figlia di papà (ma per niente proprio ché spendere 30euro per i jeans da H&M è tanto!!) mi sono voluta comunque impegnare il doppio. Per emergere. Per far vedere che non ce la fa solo chi ha qualcuno alle spalle.
    Poi, ora a quasi 30anni senza più un lavoro, mi trovo PURTROPPO superata da chi la spintarella ce l'ha. O ha avuto la fortuna di fare università da 10mila euro all'anno. E non è giusto.
    Tu sei un esempio. Sfrutta i mezzi ma fai le TUE scelte!

    RispondiElimina
  6. Ma se ti candidassi saresti sicuramente eletta?

    RispondiElimina
  7. Tesoro è stato un po' così anche per me in un certo senso. A Napoli, la mia famiglia è abbastanza in vista, sono benestanti (loro non io che sono una povera) e durante il liceo soprattutto, molti pensavano che io ottenessi delle cose solo grazie a loro.
    Non era così allora, non è così adesso.
    Anche se i miei sono ricchi, mi hanno sempre dato tre lire finché non ho iniziato a lavorare, sono sempre stati severissimi e mi hanno veramente ucciso la salute, cosa che non gli perdonerò mai.
    Certo, non mi hanno fatto fare Oliver Twist, lo so bene, però sono stati duri.
    Tu sei più fortunata perché non devi combattere con questa durezza però credimi, dai tempo al tempo...nella vita avrai tante occasioni per farti valere e per far capire a tutti di che stoffa sei fatta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorelle proprio ma proprio in tutto.

      Elimina
  8. "Forse crescere vuol dire anche questo." Io toglierei il forse.. :)

    RispondiElimina